ATTIVITA’ E TEMPO LIBERO

…dopo le prime boccate d’aria buona….la zona offre un ampio ventaglio di attività in grado di soddisfare tutte le esigenze sia della famiglia sia di un turista alla ricerca di avventura ed emozioni.
Il fondovalle e le sue numerose località giocano un importante ruolo complementare alle tante attività offerte dalla montagna il nostro mondo: le malghe, l’oasi del WWF di Valtrigona, la via dei castagni, il percorso cicloturistico dai laghi di Levico e Calceranica al Veneto per circa 40 km,..,il trekking sul Lagorai, le passeggiate alle Desene, il lungo sentiero Europeo E5 ci permette di raggiungere le vette del Gronlait (m. 2383), del Monte Fravort (m. 2345), del Monte Panarotta (m. 2002) ed il Lago di Erdemolo (m. 2006). Posta sulla destra orografica della Valsugana, anche la Val di Sella offre un piccolo paradiso naturale, caratterizzato da una incredibile varietà di paesaggi.

Nella stessa valle, dove vi risiedette il grande statista Alcide Degasperi, ha sede oggi un percorso unico in tutto l’arco alpino: la Biennale di Arte Sella, una manifestazione di arte e natura.
Dal Passo Broccon parte invece il “Trodo dei Fiori”, un percorso di notevole interesse botanico-paesaggistico che si snoda sulla mulattiera e sulla trincea che costituiva la seconda linea di difesa delle truppe italiane sul fronte austriaco della prima guerra mondiale. ospitando luoghi di cultura biennale internazionale “Arte Sella”, i suoni delle Dolomiti, il Museo della Grande Guerra, la Casa degli Spaventapasseri, le Piramidi di Segonzano, le città di Trento e di Bolzano. Grazie alla sua posizione, tra la Valle dell’ Adige e il Veneto, la Valsugana ha da sempre svolto un importante ruolo come terra di passaggio. In epoca romana venne costruita un’importante strada militare, la Claudia Augusta Altinate, che metteva in comunicazione la ricca piana veneta con le regioni danubiane del centro Europa. Non molto distante dall’altopiano di Piné la città di Trento, con i suoi numerosi palazzi storici, le mostre, gli appuntamenti culturali e le manifestazioni tradizionali.da non perdere anche una visita a rovereto, con il famoso polo museale – il Mart – che ospita mostre di alto grado artistico. Indimenticabili, nel periodo natalizio, i mercatini di natale a Trento e quelli suggestivi nel parco delle terme a Levico. dallo sport tiro con l’arco, golf, tennis, piscina (sia a Roncegno Terme che a Borgo), equitazione nei diversi centri dislocati nella valle, nuoto, vela, windsurf e canoa (nei laghi di Levico e Caldonazzo); e nella stagione invernale le piste sciistiche della Panarotta e del Broccon le manifestazioni la Ciaspol.A.N.A., la Festa della Castagna (a Roncegno in ottobre), i Suoni delle Dolomiti (concerti di musica nei rifugi di montagna), le feste paesane che da giugno a settembre percorrono paese per paese tutta la valle, oltre alla valle…. alcuni luoghi di grande interesse turistico e artistico sono facilmente raggiungibili sia in macchina che con mezzi pubblici come per esempio Trento (a 40 Km), i Laghi di Levico e Caldonazzo (a 20 km), Venezia (a 135 Km, a 2 ore di treno da Roncegno), Bolzano (a 85 km), Riva del Garda (a 75 km), Verona (a 130 km), Bassano del Grappa (a 60 km) e per chi ama essere indipendente e comunque godersi appieno il contatto diretto con la natura, il suggerimento è quello di dormire, abbronzarsi nei prati di montagna, pescare* nei torrenti e nei laghi di montagna, andar per funghi*, passeggiare nei pascoli e lungo i sentieri che conducono in quota….